La guerra in Kosovo e la stampa cattolica italiana (1998-1999)

di Stefano Pasta

La guerra in Kosovo e la stampa cattolica italiana (1998-1999)

Presentazione del libro

Con la fine della guerra fredda nel 1989, si è aperta la possibilità di un nuovo sistema di relazioni internazionali, ma, come ha scritto Andrea Riccardi, «siamo andati nel senso del disordine.

Ci misuriamo con la realtà della nuova guerra, una condizione bellicosa in cui versa il mondo contemporaneo»1. Lo aveva colto con grande chiarezza Hans Magnus Enzensberger già nel 1993, quando aveva affermato che, con la fine dell’ordine bipolare, stavamo assistendo a una miriade di guerre civili2. Alcuni conflitti vengono quasi seguiti in diretta, altri vengono completamente ignorati.

La nuova guerra è una realtà dai molti soggetti: è una «guerra diffusa»3. Cambiano anche gli attori della nuova guerra; infatti, lo Stato, con il suo monopolio della forza e della violenza, è entrato in crisi, specie nelle periferie del mondo. La nuova guerra può essere fatta dagli Stati, ma anche da organizzazioni terroristiche, politiche, mafiose, etniche.

Dettagli

Autore: Stefano Pasta
Genere: Storia e memoria
Editore: Edizioni Accademiche Italiane
Anno di pubblicazione: 2019
ASIN: 3639779428
ISBN: 9783639779424

Acquista ora

Acquista da Amazon

Libri correlati

Non ci sono libri disponibili

Articoli pertinenti

Non ci sono libri disponibili
Pubblicità