L’anno in cui fu inventato il cigno

di Ardian-Christian Kyçyku

L’anno in cui fu inventato il cigno
Traduzione di Giuseppe Stabile
Acquista ora!

Presentazione del libro

Ambientato in una città albanese sul lago di Ocrida, il romanzo inizia con l’uccisione casuale di un “ubriacone apolitico” sullo sfondo della fine del dominio ottomano.

È nell’Albania comunista, però, che, dopo una notte d’amore, uno studente va a nuotare nel lago. Lascia un biglietto alla sua ragazza promettendole che tornerà presto. Non sa che durante la notte qualcuno è riuscito a passare a nuoto il confine con la Jugoslavia e la polizia sta arrestando chiunque si trovi in acqua.

Finirà in prigione con l’accusa di alto tradimento e tentato espatrio. La cella buia, popolata apparentemente da spettri, evoca uno spazio indefinito fuori dal tempo, iperbole rovesciata dell’Albania e della sua storia. L’anonimo protagonista vi sperimenta una sfasatura temporale e simbolica, che gli rivela la reale condizione del suo paese.

È in quest’apocalisse (rivelazione) sospesa, che la parola si rifà Verbo e graffito, strumento di una possibile reinvenzione di sé e del mondo. Simbolo enigmatico e spettrale della rivelazione è il cigno del titolo, fragile ma irriducibile sfida alla mostruosità della Storia e alla degradazione dell’umano.

Dettagli

Autore: Ardian-Christian Kyçyku
Genere: Narrativa
Editore: Besa Muci Editore
Titolo in albanese: Viti kur u shpik mjellma
Anno di pubblicazione: 2021
ASIN: 8836291244
ISBN: 9788836291243

Acquista ora

Acquista da Amazon