Dopo la pioggia. Gli Stati della ex Jugoslavia e l’Albania (1991-2011)

Un quadro degli ultimi vent’anni di ex-Jugoslavia e Albania, tra problemi ancora ben lontani dall’essere risolti e un inquietante parallelismo con l’attuale quadro europeo. Un futuro incerto col timore di ritrovarsi abbandonati al proprio destino. Una recensione. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Dopo la pioggia. Gli Stati della ex Jugoslavia e l’Albania (1991-2011)
A cura di Antonio D'Alessandri e Armando Pitassio

Di solito dopo la pioggia ritorna il sereno, il bel tempo, talvolta fa pure capolino l’arcobaleno. Nel caso della ex Jugoslavia e dell’Albania, però, non si sono seguite le consuete tendenze della meteorologia. Nel senso cioè che, dopo il grande temporale, il cielo non si è rasserenato. O perlomeno non si è rasserenato del tutto. E’ rimasto sempre incerto, inaffidabile, qualche volta ancora minaccioso.

La metafora è tratta dal film del macedone Milcho Manchevski, uscito alla metà degli anni Novanta ed intitolato “Prima della pioggia”. Il film, che ebbe il Leone d’Oro a Venezia, ben descriveva il clima di violenza (a cui non ci si può sottrarre come in un gorgo irresistibile, sosteneva Manchewski) che contraddistingueva in quegli anni i Balcani, quelli definiti della transizione.

Ora il temporale, cioè le guerre intra-jugoslave ed i sussulti albanesi, si è da tempo concluso, pur persistendo ancora tensioni e problemi scoperti, ma ciò che è venuto dopo non ha portato né l’arcobaleno né un bel tempo duraturo e convincente. La transizione continua, si fa infinita con tutte le sue incertezze e le sue incongruenze.

Il libro, curato da D’Alessandri e Pitassio, due storici specializzati nell’area balcanica (il primo è anche segretario dell’Associazione italiana di studi del sud-est europeo), vuole fare il punto di questi ultimi vent’anni di storia in cui i Balcani hanno conosciuto stravolgimenti e frammentazioni tali da creare una vera cesura storica tra il prima e il dopo.

Leggi la recensione di Vittorio Filippi su OBCT

Acquista ora!

Presentazione del libro

Il titolo di questo libro rinvia alle atmosfere del film Dopo la Pioggia (Pred Doždot, 1994) di Milčo Mančecski: gli eventi balcanici degli anni Novanta furono in qualche modo un temporale che ha trasformato o addirittura spazzato via molte delle strutture politiche, economiche e culturali preesistenti.

Cosa è accaduto subito dopo quella grande «pioggia»? a vent’anni di distanza dalla caduta del regime comunista albanese e dall’avvio (1991) delle sanguinose guerre che hanno determinato la tragica fine della Jugoslavia, questo libro fa il punto sugli scenari attuali e le prospettive future dei Balcani commentando quanto è avvenuto nel corso degli anni Novanta e Duemila.

La Jugoslavia aveva un’importanza geopolitica fondamentale e la sua dissoluzione ha avviato un processo di completo riassetto della regione che non si esaurisce nell’approdo alla democrazia.

Gli interrogativi e le ambiguità di questa difficile transizione costituiscono la cornice entro cui trenta specialisti dell’area balcanica – provenienti da molte istituzioni universitarie e di ricerca italiane e straniere – sono stati chiamati a riflettere dall’Associazione italiana di studi del Sud-est europeo: la politica interna ed estera, le lingue e le letterature, le istituzioni culturali (come i musei e le scuole), i mezzi di comunicazione di massa (cinema, radio, televisione) sono gli argomenti trattati in questo volume che dimostrano quanto i Balcani siano fondamentali per l’intera Europa e, non da ultimo, per l’Italia.

I contributi (oltre la postfazione di Francesco Guida e l’introduzione di Antonio D’Alessandri e Armando Pitassio) sono ventinove, suddivisi in sette parti: 1. Bilanci storiografici; 2. Questioni di politica interna; 3. Questioni di politica estera; 4. La comunicazione: lingue, letterature, mass media; 5. Le istituzioni culturali; 6. Chiese e comunità religiose; 7. L’emigrazione, tutte, come vedremo, interconnesse tra loro e principalmente legate, specialmente per ciò che concerne la ex Jugoslavia, alla questione della “nazionalità” e dell’uso politico che se ne è fatto (e che se ne fa).

Dettagli

Autori Vari
Genere: Antologia
Editore: Argo Editrice
Anno di pubblicazione: 2011
Pagine: 464
ASIN: 8882341542
ISBN: 9788882341541
Prezzo €: 30

Acquista ora

Acquista da Amazon