Nella terra del passato vivente

La scoperta dell’Albania nell’Europa del primo Novecento

Nella terra del passato vivente

a cura di Olimpia Gargano

Scutari, 8 maggio 1908. Ai primi chiarori dell’alba, Edith Durham e la sua guida escono furtivamente dalla città per entrare nel cuore dell’Alta Albania, in territori comunemente considerati pericolosi e quasi mai esplorati da viaggiatori stranieri.

Acquista ora!

Presentazione del libro

Se un secolo prima Lord Byron aveva celebrato l’Albania del sud, dedicandole versi magnifici nel Pellegrinaggio del Childe Harold, le regioni del nord rimanevano avvolte nel mistero: erano le terre “dell’innominabile turco”, la frontiera fra islam e cristianità.

Munita di album da disegno, macchina fotografica e fonografo a rulli con cui registrò le prime incisioni di canti popolari balcanici, l’intrepida londinese si avventurò tra comunità sperdute e minuscoli villaggi i cui nomi non erano neanche segnati sulle carte geografiche.

Quel viaggio nell’ignoto la portò a conoscere usanze e tradizioni le cui origini si perdevano nelle nebbie del mito, un piccolo universo a ridosso delle coste dell’Adriatico orientale rimasto prodigiosamente ai margini del tempo e della storia.

Ora che l’Albania si è lasciata alle spalle il lunghissimo isolamento cui l’avevano confinata la dominazione ottomana prima e la dittatura comunista poi, questo libro offre ai lettori italiani una guida alla scoperta di uno dei più antichi e finora meno noti patrimoni culturali europei.

Dettagli

Autori: Mary Edith Durham, Olimpia Gargano
Serie: Libri antichi
Genere: Saggistica
Editore: Besa Muci Editore
Anno di pubblicazione: 2016
ASIN: 8849710348
ISBN: 9788849710342

Acquista ora

Acquista da Amazon

Libri correlati

L’Albania

L’Albania

1929
Antonio Baldacci
Istituto per l'Europa orientale