Il Kanun di Lek Dukagjini

Le basi morali e giuridiche della società albanese

Il Kanun di Lek Dukagjini
Un antico codice affonda le sue radici nella nebbia del tempo. A cura di Donato Martucci
Acquista ora!

Presentazione del libro

Un antico codice affonda le sue radici nella nebbia del tempo. Le origini del Kanun sono poco chiare e, dopo essere stato tramandato oralmente, è stato messo per iscritto all’inizio del Novecento da un francescano originario del Kosovo, padre Shtjefën Kostantin Gjeçov.

Il codice trascritto racchiude una serie di regole e comportamenti riportati nel dialetto ghego della lingua albanese e già in uso nel popolo durante il Medioevo. Il Kanun scandiva tutti gli aspetti della vita di una regione montuosa dell’Albania del nord, la Mirdita.

Con la pubblicazione del Kanun di Lek Dukagjini l’Albania viene messa di fronte alla codificazione non solo delle consuetudini che regolavano la vita di una parte del suo territorio, ma anche e soprattutto di fronte alla codificazione della struttura etica a cui facevano riferimento le persone che lo rispettavano.

Il Kanun – ovvero, Canone – rappresentava un sistema di interpretazione e di valori, un universo simbolico, aderendo al quale il singolo si integrava nella società e costruiva, come suo membro, la propria identità.

Dettagli

Autori: Donato Martucci, Shtjefën Gjeçov
Serie: Kanun
Genere: Antropologia
Editore: Besa Muci Editore
Titolo in albanese: Kanuni i Lekë Dukagjinit
Traduzione di:
Anno di pubblicazione: 2021
ASIN: 8836291937
ISBN: 9788836291939

Acquista ora

Acquista da Amazon